Cotoletta alla zagabrese

Cotoletta alla zagabrese

Una delle specialità più note della cucina della capitale croata, quella Zagabria che è diventata un'attrazione turistica di grande richiamo, è la cosiddetta cotoletta alla zagabrese. Essa deve la propria popolarità ad una felice combinazione d’ingredienti, di consistenza e di gusto. La cotoletta alla zagabrese non è altro che una bella fetta di carne di vitello impanata e farcita con prosciutto cotto e formaggio filante, una versione un po' più sfarzosa della celebre Wiener Schnitzel o cotoletta alla milanese, fetta di vitello impanata ma priva di alcun ripieno, che a Zagabria chiamano, per l'appunto, cotoletta alla viennese.

 

Per fare una cotoletta alla zagabrese come si deve, occorre prendere una bella fetta di carne di vitello e batterla a dovere, in modo da poterla farcire. Nel centro di una metà della cotoletta metteremo una fettina di prosciutto cotto e del formaggio filante il quale, durante la cottura, si fonderà rendendo la cotoletta irresistibile. Posizionato il ripieno su una metà, possiamo coprirla con l'altra metà della fettina di carne, facendo attenzione a far combaciare bene i bordi. La cotoletta, a questo punto, va prima passata nella farina, poi nelle uova caserecce sbattute e, infine, nel pangrattato cui dobbiamo la croccantezza finale. A questo punto, non ci resta che immergere la cotoletta in abbondante olio bollente ed aspettare che prenda quel bellissimo colore dorato che è segno che la cottura è ultimata. Prima di portarla a tavola, la cotoletta alla zagabrese va lasciata scolare qualche istante sulla carta assorbente.

 

Per il suo aspetto esteriore, la cotoletta alla zagabrese è spesso paragonata al cordon bleu, specialità svizzera affine ma non del tutto simile alla nostra protagonista. La principale differenza sta nel fatto che, mentre il cordon bleu può essere sia impanato, sia fritto senza panatura, la cotoletta alla zagabrese è soltanto quella impanata e fritta. Anche se oggi viene proposta anche con altri tipi di carne - non è raro, infatti, l’uso del maiale, del tacchino o del pollo - i puristi ritengono che la vera cotoletta alla zagabrese vada fatta con una bella fetta di carne di vitello. Al ristorante, la cotoletta alla zagabrese viene tradizionalmente servita con una fettina di limone, la cui acidità s’abbina perfettamente alla panatura; i suoi contorni più frequenti, invece, sono le patate fritte o i risi e bisi, la classica ricetta veneta a base di piselli e riso bollito che, a Zagabria, chiamiamo rizi-bizi.